13 Reasons why (Tredici)

41vXk7oK-dL._SX323_BO1,204,203,200_.jpg

Titolo: 13 Reasons Why ( Tredici ).

Autore: Jay Asher.

Genere: Young adult – drammatico – thriller.

Casa Editrice: Mondadori

Regista: Brian Yorkey.

Data di uscita libro: 2008 ( prima uscita ) – 7 Marzo 2017 ( Ristampa )

Data di uscita serie tv: 31 Marzo 2017.

Prezzo Cartaceo: 14,45 ( copertina rigida ), 11, 47 € ( copertina flessibile )

Prezzo Ebook: 7,99 €

Emittente: Netflix.

 

Sinossi:

“Ciao a tutti. Spero per voi che siate pronti, perché sto per raccontarvi la storia della mia vita. O meglio, come mai è finita. E se state ascoltando queste cassette è perché voi siete una delle ragioni. Non vi dirò quale nastro vi chiamerà in causa. Ma non preoccupatevi, se avete ricevuto questo bel pacco regalo, prima o poi il vostro nome salterà fuori. Ve lo prometto.”

Quando Clay Jensen ascolta il primo dei nastri che qualcuno ha lasciato per lui davanti alla porta di casa non può credere alle sue orecchie. La voce che gli sta parlando appartiene ad Hannah, la ragazza di cui è innamorato dalla prima liceo, la stessa che si è suicidata soltanto un paio di settimane prima. Clay è sconvolto, da un lato non vorrebbe avere nulla a che fare con quei nastri. Hannah è morta, e i suoi segreti dovrebbero essere sepolti con lei. Ma dall’altro, il desiderio di scoprire quale ruolo ha avuto lui nella vicenda è troppo forte. Per tutta la notte, quindi, guidato dalla voce della ragazza, Clay ripercorre gli episodi che hanno segnato la sua vita e determinato, in un drammatico effetto valanga, la scelta di privarsene. Tredici motivi, tredici storie che coinvolgono Clay e alcuni dei suoi compagni di scuola e che, una volta ascoltati, sconvolgeranno per sempre le loro esistenze.

 

Recensione:

Buongiorno miei cari lettori! Sono tornata con una recensione particolare questa settimana, sì perché per voi recensirò Tredici e recensirò sia il romanzo sia la prima stagione della serie tv! Inizio con il dirvi che io Tredici l’ho letto quando ancora era un libro che in pochi conoscevano. Ho il cartaceo con la copertina originale, copertina che non trovo più nemmeno online, ma poco importa perché la nuova copertina rappresenta il poster del telefilm. Quando ho saputo che avrebbero creato un telefilm sulla base di Tredici non potete capire quanto io sia stata contenta ( e spaventata ). Non vedevo l’ora di vedere in onda ciò che avevo letto ( anche se erano passati quasi dieci anni ) e perciò mi sono riletta il romanzo mentre aspettavo la messa in onda su netflix, emittente su cui è stata distribuita, mentre ricordo che il romanzo è edito Mondadori.

Dunque, questa recensione sarà particolare perché metterò a confronto un prodotto messo sul mercato in due modi differenti. Nella forma originale si tratta infatti di un libro che poi è stato reso come serie televisiva. Due ambiti differenti che, sinceramente, non amo spesso mischiare in quanto ( a parte rari casi ) le trasposizioni televisive o cinematografiche non mi piacciono affatto. Non è questo il caso: la serie tv mi è piaciuta moltissimo così come mi è piaciuto molto anche il libro. In entrambe le versioni di questa storia i temi vengono trattati molto bene e credo che la serie tv abbia reso ancora più reali i problemi trattati nel romanzo: se non avete letto o guardato la serie tv vi posso dire che vengono trattati temi delicati quali bullismo, violenze sessuali ( e non ) e l’utilizzo di droghe e alcool. Il romanzo e la serie tv risultano così nudi e crudi che quest’ultima è vietata ad un pubblico minore di quattordici anni ed è consigliata la visione con un adulto. Ci sono molti avvisi ( soprattutto nelle ultime puntate della serie tv ) perché la storia è molto forte.

In entrambi i casi credo che la storia sia stata trattata con la dovuta attenzione e credo che, al contrario di quanto in molti dicono, il tema del suicidio non sia stato affatto romantizzato, ma anzi viene descritto l’effetto che un atto di questa portata ha sulle persone coinvolte. È difficile immedesimarsi nel personaggio di Hanna, almeno nella serie tv, credo sia più facile nel romanzo, ma questo perché mentre nel romanzo Clay ascolta le cassette in una notte, nella serie tv ci mette settimane. Credo sia la differenza più grande ( se non l’unica ) tra libro e telefilm e credo che l’idea di ascoltare le cassette più lentamente sia stata una mossa azzeccata, mi ha coinvolta molto di più.

I personaggi sono tutti adolescenti nel romanzo ( se non si conta lo psicologo ), mentre nella serie tv c’è molto più coinvolgimento degli adulti, è un’altra differenza che mi è piaciuta e necessaria ai fini della narrazione. Lo stile di Asher si è perfettamente adattato ad una trasposizione su piccolo schermo e credo che in entrambi i casi il lavoro sia stato perfetto. Vi è un’altra differenza riguardo il finale. Mentre il romanzo è autoconclusivo, il telefilm è stato rinnovato per una seconda stagione ( appena trasmessa ) ed è stata confermata una terza stagione.

Nel romanzo ho amato Clay, davvero moltissimo e così anche nella serie tv: l’attore scelto per interpretarlo è stato fantastico. Ammetto che anche l’attore che ha interpretato Bryce Walker, personaggio da me davvero odiato, è stato meraviglioso! Hanna Baker è un personaggio con cui non sono entrata in sintonia. Non condivido le scelte da lei prese, ma posso capire in parte il dolore provato. Nel romanzo, i punti di vista di altri personaggi sono stati poco esplorati mentre nella serie tv è stato dato molto spazio a tutti e ciò mi ha resa felice. Vedere approfonditi personaggi quali Sheri, Alex, Zach, Marcus, Tyler, Justin, il Signor Porter, Jessica e via dicendo mi ha dato l’opportunità di affezionarmi a loro. Per quanto riguarda il romanzo, credo di essere rimasta in qualche modo delusa dal finale poiché mi aspettavo qualcosa di più, mentre con la serie tv, con la possibilità di vedere altre cose e di avere altre informazioni credo di essere stata esaudita nelle domande che tanto attendevano risposta.

Insomma, non mi resta che salutarvi e dirvi che vi aspetto settimana prossima con la recensione della seconda stagione di tredici.

Alla prossima,

Ylenia.

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.