Il test positivo

Quelle due linee che ti cambiano la vita.

Il primo vero articolo di Dimensione Mamma, non poteva che essere dedicato all’emozione più forte che ho provato nella mia vita, sapere di aspettare un bambino.

Era il 24 dicembre 2014 e da quel giorno la mia vita è cambiata.

Mi capita spesso di confrontarmi con le mie amiche mamme, e quando si parla di test, beta o quant’altro gli occhi diventano sempre lucidi, non solo i loro ma anche i miei. Perché aspettare un bambino è bello, sia che lo aspetti dentro la tua di pancia sia in quella di un’amica, una sorella o una cognata.

Emanuele è stato cercato e fortemente voluto. Sapevo dal primo istante che sarebbe stato un maschietto, me lo sentivo e non mi sbagliavo.

Le sensazioni di una mamma non sbagliano mai.

Tre anni dopo, l’11 gennaio 2018 ho riprovato la stessa emozione. Anzi non la stessa. È stata diversa. Ho mollato il test in bagno e sono scappata. Per poi scoppiare in un pianto di gioia.

E anche li sapevo che sarebbe arrivata una principessa.

L’attesa.

L’attesa ti cambia, ti fa crescere, ti fa maturare, ti fa rivalutare le tue priorità. Ti fa capire che al primo posto non ci sei più tu, ci siete voi.

Certo, che bella la maternità! Ma i lati negativi?

Attorno a te tutti vogliono toccare il tuo bel pancione, darti consigli non richiesti ed entrare quasi di prepotenza in quel periodo così delicato dove tu vorresti solo dormire, dormire dormire, mangiare, dormire e forse ancora mangiare. Insomma tu diventi un’incubatrice e spesso, non sempre, passi in secondo piano.

Infondo che stai facendo di tanto speciale?

Ogni riferimento è puramente casuale.

Mi ricordo che intorno al 5 mese andavo a letto prestissimo, ma mica per dormire. Era il mio, il nostro momento, mi sdraiavo nel lettone, chiudevo gli occhi e assaporavo ogni loro movimento.

L’ho fatto per entrambi.

Per Emanuele eravamo solo io e lui, per Arianna eravamo spesso in tre o in quattro. Io, il mio pancione e figlio numero 1 e spesso marito.

Un’emozione diversa, condividere con il futuro fratello maggiore quei momenti.

E quando qualcuno mi faceva notare che “tanto sei già mamma” io mi rendevo conto che invece ero mamma per la seconda volta in una maniera diversa.

La prima volta è davvero la prima volta, la seconda volta ci sono tante nuove prime volte.

Lo so è contorto ma è cosi.

Non si è mai mamma due volte alla stessa maniera. Il tempo ti cambia, ti fa crescere, ti migliora o forse ti peggiora.

Ma la cosa meravigliosa è che ogni mamma è diversa, è speciale ed è la mamma migliore del mondo, è la mamma perfetta per il proprio bambino.

E anche se, non la pensa come me, io la rispetto, l’ascolto, perché dentro ogni donna, c’è un modo di essere, c’è un mondo.. c’è la dimensione mamma!!!

Vi va di raccontarmi come avete scoperto di aspettare i vostri cuccioli?

Valentina

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.