Una ragazza cattiva

415yxDR8v0LTitolo: Una ragazza cattiva.

Autore: Alberto Beruffi.

Genere: Thriller.

Casa Editrice: Newton Compton Editori.

Numero pagine: 442 pp.

Serie: / /

Costo ebook: 0,99 €.

Costo cartaceo: 9,90 €.

Data di pubblicazione: 11 Ottobre 2018.

Sinossi:

Un autogrill si trasforma nell’inquietante scena di un crimine con il ritrovamento del cadavere di una delle cameriere. Si tratta di Giulia Scarpanti, figlia minore di un noto avvocato di Mantova. È stata strangolata con una corda di chitarra e le hanno messo della colla ai lati della bocca, per farla apparire sorridente. Le pareti del locale sono tappezzate di poster degli anni Ottanta e accanto al corpo viene ritrovato un piccolo carillon a forma di jukebox, che diffonde una melodia in tema con la messinscena. I macabri particolari ossessionano Mattia Manfredi, musicista dal passato tormentato, e lo inducono a collaborare con la squadra investigativa di cui fanno parte l’ispettore Marco Pioggia e Lara Tarantino, criminologa italoamericana esperta di serial killer. Ma i tre devono agire in fretta. L’assassino, ispirato dalle torbide vicende del collegio di Santo Spirito, sta per colpire ancora.

Recensione:

Buongiorno lettori e benvenuti ad un nuovo appuntamento del mercoledì! Oggi sono tornata nella mia confort zone ( perdonatemi, ma non ci posso fare nulla se amo così tanto i thriller! ) e recensisco per voi un romanzo tutto italiano del mio genere preferito. Il romanzo, edito da Newton Compton Editori è stato scritto da Alberto Beruffi ( che ho stalkerizzato su facebook… Direi che la mia passione per i thriller sta dando i suoi primi frutti, che dite? ) ed è uscito l’11 Ottobre di questo anno. Il romanzo è Una ragazza cattiva e a quanto pare è proprio l’esordio per questo autore a cui chiedo gentilmente di fare una bellissima serie con Marco Pioggia e Mattia Manfredi ( li adoro!! ).

Come sempre, prima di cominciare con la recensione vera e propria, vorrei soffermarmi sulla copertina e l’editing. In primo luogo posso dire che la copertina è molto semplice e l’ho trovata inerente alla trama del romanzo. Inoltre il fatto che ogni romanzo thriller abbia qualcosa di giallo ( dal titolo al dettaglio ) mi piace davvero molto. In questo caso vi è un altro particolare, oltre la copertina piuttosto scura, qualcosa che sicuramente colpisce chi osserva il lavoro fatto: il cappotto rosso della ragazza. Spicca su tutti quei colori scuri, ovviamente. Per quanto riguarda l’editing, noto sempre una certa cura rispetto ai romance con questa casa editrice. Non so se sia perché gli autori e i traduttori facciano un buon lavoro di partenza, ma il thriller è trattato davvero molto bene dalla casa editrice e, ancora una volta, mi trovo a confermare la cosa: non ho trovato alcun errore nel libro che mi è stato fornito gentilmente. Ammetto che ciò mi colpisce molto e mi fa apprezzare ancora di più la lettura. Un’altra cosa la vorrei dire sul genere. In questo caso il genere thriller si addice molto al romanzo stesso, a volte capita che alcuni libri vengano etichettati come thriller quando non lo sono, ma non qui. Una ragazza cattiva è un romanzo thriller che, grazie alla capace penna dell’autore, fa entrare il lettore nella psicologia dei personaggi.

È il momento della trama. La trama, il motore che fa andare avanti il tutto, mi è piaciuta. Si sviluppa su due archi temporali che sono stati suddivisi in modo che io trovo originale: i capitoli del presente sono segnalati dai numeri normali, i capitoli del passato con i numeri romani. È dunque molto facile distinguerli. Un serial killer è a piede libero, ma la sua storia pare trarre radici da un misterioso incidente avvenuto al collegio Santo Spirito, negli anni ’80. Marco Pioggia inizia ad indagare su questi omicidi ed è grazie a Mattia Manfredi, un musicista appassionato di thriller e alla criminologa Italoamericana Lara Tarantino che, lentamente, si avvicina alla risposta esatta. Una corsa contro il tempo con un finale imprevisto e un ritmo serrato che coinvolge il lettore fin da subito.

Ovviamente non vi farò alcuno spoiler, questo libro merita di essere letto e apprezzato! Prima di parlarvi dei personaggi, vorrei parlarvi della musica: in questo romanzo è fondamentale, infatti il serial killer ripropone, sulla scena del crimine, una sorta di locandina che riporta alla mente diverse canzoni. Questo espediente, questa cura nel dettaglio, questo modus operandi, mi hanno catturata fin da subito. Mi è piaciuto molto come tutto è stato gestito e descritto, non mi resta che fare i complimenti all’autore. Come dicevo, i personaggi creati da Alberto mi sono piaciuti tanto. Non solo Marco, ma anche Lara e soprattutto Mattia. Sono tre personaggi ben distinti, con i propri tratti caratteriali, i propri punti di forza e le proprie debolezze. Li ho trovati veri e originali.

Lo stile dell’autore, come avrete potuto capire, mi è piaciuto molto. In primo luogo è riuscito a catturarmi dalla prima pagina ( e ho letto il romanzo di notte! ) e, inoltre, trovo che il suo modo di scrivere sia efficace e accattivante. Le descrizioni non risultano noiose o di troppo: tutto è scritto in modo che il lettore desideri andare avanti e saperne sempre di più.

Personalmente i personaggi mi sono talmente piaciuti che vorrei una serie ( Marco e Mattia sono i miei preferiti in assoluto, ma anche Lara non è affatto male! ), purtroppo è un autoconclusivo ( peccato, dico sul serio! ), ma non per questo non deve essere letto, anzi! Vorrei dirvi di correre il libreria subitissimo, in modo da acquistare il romanzo e leggerlo! Sono certa che sarebbe un ottimo regalo di Natale! Un thriller sotto l’albero fa sempre la sua figura!

A presto,

Ylenia.

P.S.: COMPRATE IL ROMANZO.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.